assegno divorzile

La legge prevede che con la sentenza di divorzio il tribunale disponga l’obbligo per un coniuge di somministrare periodicamente a favore dell’altro un assegno quando quest’ultimo non abbia mezzi adeguati o comunque non possa procurarseli per ragioni oggettive.

A tale proposito secondo la legge il tribunale deve tenere conto:

  1. delle condizioni dei coniugi;
  2. delle ragioni della decisione;
  3. del contributo personale ed economico dato da ciascuno alla conduzione familiare ed alla formazione del patrimonio di ciascuno o di quello comune;
  4. del reddito di entrambi i coniugi.

Tutti gli elementi sopra elencati devono essere valutati anche in rapporto alla durata del matrimonio ed all’età del richiedente.

Secondo la giurisprudenza all’assegno di divorzio deve attribuirsi una funzione assistenziale, compensativa e perequativa.

Se vuoi richiedere una consulenza su questo argomento scrivici qui

Il giudice deve accertare un’eventuale disparità tra i redditi di entrambi i coniugi. Tale differenza tra le posizioni economiche e patrimoniali dei coniugi deve essere “rilevante“. Infatti dei minimi scostamenti non possono giustificare l’imposizione di un assegno.

L’eventuale, rilevante, squilibrio tra le posizioni dovrà poi essere effetto delle scelte di vita familiare adottate e condivise nel corso del matrimonio, con il sacrificio delle aspettative professionali e reddituali di una delle parti in funzione dell’assunzione di un ruolo trainante all’interno della famiglia. La valutazione del Giudice su questo specifico punto deve essere rigorosa ma la differenza tra le posizioni economiche complessive delle parti al momento del divorzio non deve necessariamente essere provato esclusivamente dal coniuge richiedente l’assegno.

Per consentire l’attribuzione di un assegno divorzile  deve esistere quindi uno squilibrio economico rilevante che sia la conseguenza delle scelte e dei sacrifici fatti durante la convivenza nell’interesse della famiglia. Accertato lo squilibrio economico il Giudice deve poi verificare se tale divario possa essere superato in modo autonomo dal richiedente l’assegno, mediante il recupero o il consolidamento della propria attività professionale. L’esistenza di fattori che potrebbero impedire il superamento dello squilibrio (ad esempio la capacità lavorativa del richiedente) deve essere provata dal richiedente l’assegno. Pertanto l’assegno potrà essere negato nel caso in cui, sebbene vi sia uno squilibrio reddituale, risulti che il coniuge richiedente possa superare autonomamente tale squilibrio.

Quali sono gli effetti dell’instaurazione di una nuova convivenza sul diritto a percepire l’assegno divorzile ?

La convivenza che si presenti come stabile modello di vita comune fa cessare il diritto alla percezione dell’assegno divorzile, dal momento che la creazione di una nuova famiglia – anche di fatto – rompe ogni legame con il tenore e il modello di vita caratterizzanti la precedente fase di convivenza matrimoniale.

Se vuoi richiedere una consulenza su questo argomento scrivici qui

Photo by Zoriana Stakhniv on Unsplash

About the Author

mariosabatino

Ideatore, fondatore e Presidente di IusTeam – Rete di Avvocati.

Sono iscritto all’albo degli avvocati cassazionisti dal 2014 ed abilitato al patrocinio davanti alle magistrature superiori. Svolgo la professione forense da oltre venti anni e mi occupo prevalentemente di diritto civile. Nella mia attività professionale assisto prevalentemente le persone e le piccole e medie imprese.

Sono il curatore de “La Pagina Giuridica“, pubblicazione giuridica telematica online dal 1997.

Sono docente nel Master in diritto di famiglia della LUISS Guido Carli di Roma Modulo: FAMIGLIA E RESPONSABILITÀ CIVILE – Bullismo, cyberbullismo e responsabilità.

Ho studio in Roma e Castelnuovo di Porto (RM)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.